Nessun commento

La scelta delle protesi per il seno: i rischi da evitare

thumbnail PHOTO 2022 07 26 16 59 46

Oggi voglio raccontarti la storia di una paziente, per spiegare in modo chiaro e semplice quali rischi puoi correre se non ti assicuri che la scelta delle protesi per il seno sia guidata dalla qualità e accompagnata nel tempo da controlli periodici, che non vanno mai trascurati.

Come si scelgono le protesi di qualità?

Partiamo dal presupposto che le protesi faranno parte della tua vita per molto tempo e quindi la loro qualità è fondamentale per evitare brutte sorprese, considerando anche l’investimento fatto e l’impegno dedicato a questa scelta così importante per te.

Per questo motivo è importante che ti assicuri che la scelta delle protesi per il seno sia studiata in base alle tue esigenze e corrisponda ad un’alta qualità, per assicurarti di fare un investimento sicuro e a lungo termine.

Ma lascia che ti racconti la storia di questa paziente, mostrandoti anche le condizioni in cui si trovavano le sue protesi.

È arrivata in studio da me questa paziente che si era operata, presso un altro chirurgo, nel 2008.

Il primo campanello di allarme l’ho sentito quando mi ha confessato candidamente che non era più stata visitata da allora.

E quindi cosa l’aveva spinta a venire da me?

La paziente aveva notato che il seno aveva perso volume nella zona alta e questo l’aveva spinta a decidere di fare un’ecografia.

L’esame non aveva rilevato la rottura della protesi, ma aveva rilevato la presenza di particelle di silicone nei linfonodi dell’ascella.

Cosa significa? 

A livello di rischi di salute, nulla di particolarmente grave. Il problema è che questo esito mi fa capire che la protesi era rotta da anni, probabilmente addirittura una decina.

Il messaggio importante è che non basta un’ecografia, ma serve una visita dal chirurgo estetico, per avere la certezza dello stato di salute delle protesi. Infatti quando l’ho visitata mi sono subito accorto del problema.

Non solo, non è finita qui.

L’ho operata sostituendo la protesi. Guarda in che condizione era, la vedi al fianco di quella rimasta integra:

thumbnail IMG 4429

 

Era realmente distrutta.

Un altro lato negativo, da non trascurare, è la garanzia della protesi.

Per farti un esempio, se lei fosse stata operata da me e avesse avuto le protesi che utilizzo, in caso di rottura le avrei sostituite gratuitamente, grazie alla garanzia offerta dalla casa produttrice.

Per quanto riguarda invece l’intervento in sé, normalmente stipulo un’assicurazione per le mie pazienti e questo le avrebbe permesso di non avere nessuna spesa aggiuntiva, solo il disagio di un altra operazione.

Tutto si è risolto per il meglio, ma come avrai capito, prevenire è sempre la soluzione migliore, assicurandosi la miglior qualità delle protesi utilizzate.

Cosa abbiamo imparato da questa storia sulla scelta delle protesi per il seno?

Vediamo i punti principali:

  • scelta della specifica tipologia di protesi in base alla tua situazione e ai tuoi desideri, tenendo conto di misure e proporzioni
  • garanzia delle protesi: punto fondamentale da toccare con il chirurgo. Le protesi migliori hanno una garanzia a vita che ti mette al riparo da costi aggiuntivi in caso di rottura e conseguente sostituzione
  • la stipula di un’assicurazione sull’intervento, che ti metta al riparo da eventuali problematiche che possono richiedere una nuova operazione. Meglio prevenire che dover sostenere di nuovo la spesa.
  • controlli periodici anche a lungo termine: assicurati che il professionista a cui ti affidi preveda un piano di controllo, con visite più ravvicinate nel post operatorio e con controlli annuali fissi, che prevedano ecografie e visite, per essere sicura che le tue protesi siano in perfette condizioni e, in caso contrario, poter intervenire tempestivamente.
  • considera che con le protesi di ultima generazione il seno tende a perdere molto meno la forma in caso di rottura, perché il gel non è liquido ma coesivo. Questo è un lato positivo, certo, ma rende i controlli periodici ancora più importanti per intercettare eventuali problemi!

Per me è fondamentale la qualità e l’affidabilità delle protesi scelte. Il mio metodo di lavoro, la Mastoplastica Argentina, seleziona le protesi più adatte a te solo dopo attente valutazioni che faremo insieme e, soprattutto, mette al primo posto la tua sicurezza e la possibilità di vivere il tuo nuovo seno nel modo migliore possibile.

Questo implica controlli, visite, attenzione, la disponibilità da parte del chirurgo ad essere presente per te, per prevenire eventuali contrattempi e agire subito in caso di rotture, minimizzando le conseguenze negative che possono insorgere.

Non accontentarti mai: decidere di regalarti un nuovo seno è una scelta importante, che merita tutte le attenzioni del caso. La tua felicità e la salute sono sempre al primo posto: piuttosto che optare per protesi di bassa qualità, aspetta, rimanda la decisione a quando avrai trovato la soluzione perfetta per te.

Se  vuoi conoscere ancora più da vicino questo tipo di intervento, spazzare via questa e altre paure e conoscere tutti i dettagli della Mastoplastica Argentina, il metodo che ho progettato per aiutarti ad ottenere il risultato che desideri:

banner articoli

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI SU LA MASTOPLASTICA ARGENTINA QUI

Ti ha colpito particolarmente questo articolo? Condividilo con chi vuoi e regala una maggiore consapevolezza sul mondo della chirurgia estetica!

P.S. Se stai prendendo in considerazione di sottoporti ad un intervento al seno o conosci qualcuno che lo sia, ora sai quanto sia importante riuscire ad ottenere le informazioni corrette per poter scegliere con consapevolezza, allora parti da qui: www.drperon.com

Troverai informazioni ed esperienze di successo di centinaia di pazienti che hanno scelto di sottoporsi a Mastoplastica Argentina, affidandosi a me.
Dr Perón
– L’originale Mastoplastica Argentina –

Il segreto delle donne più sexy del mondo

Dir.San. Dott. Luciano Perrone – Ordine dei Medici di Parma n.7488

 

Articoli risorse gratuite

Seguici sui social per rimanere aggiornata!

Potrebbero interessarti

Articoli simili a questo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu