Nessun commento

Il primo approccio alla mastoplastica: 4 errori commessi spesso dalle pazienti

DSC5091 scaled

In questo articolo voglio parlarti di quali sono gli errori più frequenti che si fanno nel primo approccio alla mastoplastica e al chirurgo estetico.

Sono errori che vengono commessi all’inizio del percorso, spesso durante la fase di scelta del chirurgo e durante la prima visita e, proprio per questo, rischiano di compromettere il tuo percorso e il risultato che raggiungerai.

Il primo approccio alla mastoplastica: il pericoloso effetto domino

Tutto inizia con la scelta del chirurgo a cui rivolgerti e la prima visita. Parte tutto da questo momento, che si rivela cruciale perché basta commettere anche solo uno di questi 4 errori per rischiare un pericoloso effetto domino.

Infatti, come accade per i mattoncini, dove basta che cada il primo per trascinare con sé tutti gli altri, lo stesso avviene nel nostro caso.

Se arrivi a scegliere il chirurgo non adatto alle tue esigenze o ad affrontare nel modo sbagliato la prima visita, rischi di buttare all’aria tutto il percorso che ti ha portata a decidere di intervenire sul tuo corpo e rischi anche di non arrivare al risultato sperato.

I 4 errori che fanno più spesso le pazienti nel primo approccio alla mastoplastica e al chirurgo estetico

Andiamo quindi a percorrere insieme la strada che ti porta a scegliere il chirurgo e ad approntare la prima visita del percorso di mastoplastica, per individuare insieme gli ostacoli e gli errori a cui si va spesso incontro.

Perché si fanno degli errori durante la prima il primo approccio al chirurgo estetico e alla mastoplastica?

Accade spesso perché vai ad approcciarti a un mondo che non conosci, oppure che conosci solo attraverso l’esperienza di qualche conoscente, amica oppure attraverso le informazioni che sicuramente hai cercato su Internet.

Però un conto sono i racconti, le parole, un conto è ritrovarsi per la prima volta seduta di fronte a un professionista, di fronte a un chirurgo esperto. È normale sentirsi un po’ spaesate, a disagio, un po’ in difficoltà nell’aprirsi e parlare liberamente di un aspetto comunque intimo della propria vita, confidando i propri disagi, le proprie difficoltà e i propri desideri a un estraneo.

Quindi è normale che si vada incontro a questi errori e spero che parlarne possa aiutarti ad avere un approccio più libero o sereno e utile alla visita e al chirurgo.

Il primo errore: scegliere il chirurgo in base al prezzo o con superficialità

il primo errore avviene a monte, prima ancora di iniziare, ed è legato alla scelta del chirurgo.

L’errore principale è quello di affidarsi a un chirurgo piuttosto che a un altro in base al prezzo più basso oppure alla vicinanza geografica.

La strada che stai per intraprendere è importante e ti porterà un cambiamento fisico con un notevole impatto nella tua vita quotidiana. In più, cosa da non sottovalutare, è un investimento economico importante, anche con un approccio low cost, è comunque importante, così come sono importanti anche le conseguenze.

Se scegli in base al prezzo pensando che in fondo i chirurghi siano tutti uguali… e poi l’intervento non rispecchia quello che ti aspettavi o non viene eseguito alla perfezione?

Questo potrebbe portare a delle conseguenze, visite specialistiche, esami, altri interventi per cercare di rimediare (quando possibile), tutte cose che portano con sé altre spese, difficoltà e magari, nei casi peggiori, conseguenze di salute.

Si tratta quindi di un investimento sul tuo futuro, che deve essere valorizzato e che deve portare al risultato che ti aspetti, in sicurezza e scegliendo la tecnica più adatta a te.

Per questo, scegliere il chirurgo è un momento cruciale, un bivio: devi capire se vuoi andare più verso l’apparente vantaggio di un prezzo basso, oppure se andare a cercare un professionista che rispecchi i tuoi valori e le esigenze che porti con te.Il mio consiglio è quello di informarti bene guardando il sito internet del chirurgo, leggendo le recensioni, le testimonianze delle pazienti, guardando le foto del prima e dopo, che sono comunque la dimostrazione più oggettiva possibile che hai per capire se il modo in cui lavora e l’approccio che ha con le pazienti è esattamente quello che stai cercando.

In questo modo eviterai anche di perdere tempo a fare molte prime visite prima di trovare quello giusto, ma avrai subito la possibilità di approcciarti con la figura professionale di cui hai davvero bisogno.

Il secondo errore del primo approccio alla mastoplastica: non raccontare tutto e non aprirsi liberamente con il chirurgo

La prima visita, come abbiamo già detto diverse volte, è un momento cruciale per iniziare il percorso che ti porterà al risultato che desideri, al décolleté che più si avvicina ai tuoi desideri.

L’obiettivo della prima visita è quello di rispondere alle tue domande, far sparire tutte le le incertezze e farti capire se l’intervento è quello che fa per te e se è il momento giusto per farlo.

Un errore frequente è quello di vedere il chirurgo come una sorta di autorità fredda, glaciale e distaccata, che parla solo attraverso un linguaggio tecnico e poco comprensibile. Il problema in questo caso è che si andrà a innalzare fin da subito un muro tra te e il chirurgo, portando a una prima visita in cui sei trattenuta, non riesci ad essere te stessa, ad esprimerti liberamente.

I rischi in questo caso sono due in realtà. Il primo rischio è quello di sprecare tempo e denaro in una visita che non porterà a ciò che vuoi ottenere perché, se non riesce essere completamente te stessa e completamente sincera, non riesci a fare tutte le domande che vuoi davvero fare e quindi rimani con alcuni dubbi, rimani in una sorta di limbo in cui non riesce a decidere se la mastoplastica è la strada giusta per te oppure no.

Il secondo rischio è quello di andare a intraprendere una strada che sembra quella corretta, in base a quello che vi siete detti durante la visita, ma che non rispecchia il percorso giusta per te.

Questo accade anche perché dobbiamo considerare che molti professionisti dedicano poco tempo a quella che è la la parte più interlocutoria della visita. Spesso preferiscono passare alla parte pratica e quindi passare alla visita, a prendere le misure, quella che appunto è la parte più tecnica.

Però la prima parte, che quindi normalmente viene relegata a pochi minuti, è molto importante perché quella che si deve costruire con il chirurgo è una relazione di fiducia e anche di confidenza, perché non si tratta di curare una malattia, per la quale probabilmente la soluzione ideale la conosce solo il chirurgo ed è oggettiva.

In questo caso c’è un coinvolgimento emotivo e personale molto importante, che il chirurgo non può conoscere a prescindere: lui conoscerà e capirà l’aspetto tecnico ma non potrà mai leggerti nel pensiero e capire quelli che sono i tuoi reali desideri, i tuoi disagi attuali, tutto quello che ti ha portato a bussare alla sua porta.

Quindi è davvero importante vedere il chirurgo per quello che è: un professionista certo, ma prima di tutto una persona che è lì per ascoltarti.

E qui caschiamo direttamente nel terzo errore.

Il terzo errore: la paura di essere giudicata dal chirurgo

Un chirurgo è abituato ad avere a che fare con tante pazienti, con storie diverse tra loro.

Il nostro compito è capire quello che vuoi, senza giudicarti. Questo aspetto è molto importante: il chirurgo non ha nessun interesse nel giudicarti, si limita a raccogliere più informazioni possibili su di te, sul tuo bagaglio di esperienze, anche per aiutarti a capire se la mastoplastica è davvero la soluzione ai tuoi problemi.

Un professionista vuole che tu esca dal suo studio convinta e vuole soprattutto che, se deciderai di fare l’intervento, tu sia completamente soddisfatta del risultato che ti ritrovi, perché ti accompagnerà per diversi anni e perché spesso è complicato da rivedere e modificare.

Quindi non è nel suo interesse giudicarti, esattamente il contrario. Devi capire che il chirurgo in questo caso è diverso da un’amica, da una conoscente, da una collega che può comunque esprimere un giudizio, un parere. Il chirurgo vuole solo capire e conoscerti, conoscere quello che è il tuo mondo, che sarà diverso da  ogni altra paziente.

Quindi il mio consiglio è di vederlo per ciò che è: un medico, un professionista abituato a confrontarsi con problemi ed esigenze simili alle tue e che è lì apposta per te, per aiutarti ad affrontare il primo approccio alla mastoplastica nel modo più tranquillo e chiaro possibile.

Ora vediamo il quarto errore, che si pone esattamente dalla parte opposta di questo, ma che è altrettanto frequente.

Il quarto errore nel primo approccio alla mastoplastica: affidarsi completamente è sbagliato?

L’ultimo errore, anche questo molto frequente, è quello di affidarsi completamente al chirurgo senza dire la propria opinione, senza avere la completa consapevolezza di ciò che accadrà.

Premettendo che il chirurgo ovviamente è la persona che più di tutti sa qual è il percorso a livello tecnico più adatto e qual è anche il risultato che meglio si sposa alle tue esigenze e alla tua fisicità, è comunque importante ricordare sempre che il corpo è il tuo e il seno che avrai accompagnerà te, nessun altro, ogni giorno e quindi deve appartenerti veramente.

Per questo è fondamentale affidarsi al chirurgo, certo, ma avendo la sicurezza di capire esattamente come le sue parole e la tecnica che ti propone siano tradotti nel risultato che farà parte della tua vita.

Soprattutto se c’è qualcosa che non ti è del tutto chiaro, che non ti convince, piuttosto è meglio rendersi conto che non è il chirurgo giusto per te e fermarsi in tempo.

Per farti un esempio, il mio metodo, la Mastoplastica Argentina, porta a un risultato su misura, studiato per la singola paziente, per offrirle un décolleté femminile, elegante ma naturale.

Diciamo che non sono a favore degli eccessi della chirurgia estetica, quindi non ti consiglierei mai un seno sproporzionato, eccessivo, visibilmente innaturale e finto.

Però può benissimo capitare che una paziente voglia quello, nonostante le mie indicazioni, e io sono il primo a indirizzarla verso un chirurgo che può essere più adatto a lei e alle sue esigenze, per ottenere quello che desidera. Quindi, in questo caso, sono io a fare un passo indietro ma è importante che lei sia sincera e me lo dica apertamente, senza avere paura a ad andare oltre quello che è il mio parere.

Il mio consiglio è cercare di aver chiaro, ben prima dell’intervento, quello che sarà il tuo risultato finale, facendo tutte le domande che servono.

Per me si tratta di un passaggio fondamentale quello di permettere alla paziente di capire con esattezza come sarà il suo seno futuro e assicurarmi che sia ciò che vuole davvero, proponendole alternative e cercando di spiegarle in modo chiaro il perché della mia proposta. In generale, attraverso tutti questi quattro errori, emerge quanto sia un tasto delicato e molto intimo quello che riguarda il seno femminile.

Quello che conta però è scegliere prima di tutto un professionista che ti sembri prima di tutto serio e affidabile e poi anche adatto a te, con un approccio simile a ciò che desideri ottenere.

Poi, arrivando alla visita, cerca di abbattere tutte le diffidenze e le paure: sei lì per te stessa e devi essere tu al centro dell’attenzione, non il chirurgo. Parla apertamente, fai tutte le domande che ti passano per la testa e assicurati che l’intervento ti regali il seno perfetto per te, per il tuo fisico e per i tuoi desideri.

Se vuoi affrontare il tuo promo approccio alla mastoplastica e scoprire come potrebbe essere il tuo nuovo seno progettato su misura, scopri tutti i dettagli della Mastoplastica Argentina:

banner articoli

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI SU LA MASTOPLASTICA ARGENTINA QUI

Ti ha colpito particolarmente questo articolo? Condividilo con chi vuoi e regala una maggiore consapevolezza sul mondo della chirurgia estetica!

P.S. Se stai prendendo in considerazione di sottoporti ad un intervento al seno o conosci qualcuno che lo sia, ora sai quanto sia importante riuscire ad ottenere le informazioni corrette per poter scegliere con consapevolezza, allora parti da qui: www.drperon.com

Troverai informazioni ed esperienze di successo di centinaia di pazienti che hanno scelto di sottoporsi a Mastoplastica Argentina, affidandosi a me.
Dr Perón
– L’originale Mastoplastica Argentina –

Il segreto delle donne più sexy del mondo

Dir.San. Dott. Luciano Perrone – Ordine dei Medici di Parma n.7488

 

Articoli risorse gratuite

Seguici sui social per rimanere aggiornata!

Potrebbero interessarti

Articoli simili a questo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu