Nessun commento

Drenaggi e mastoplastica: 5 svantaggi legati al loro utilizzo

pexels trần long 6213149 scaled

Una delle preoccupazioni legate all’intervento di mastoplastica, che sia additiva, riduttiva o di lifting al seno, riguarda l’utilizzo o meno dei drenaggi. Spesso ti capiterà di trovarti di fronte a pareri discordanti e poco chiari, per cui oggi facciamo chiarezza e scopriamo il rapporto tra drenaggi e mastoplastica.

Partiamo spiegando di cosa si tratta: cosa sono i drenaggi?

Il drenaggio, strumento molto utilizzato nella mastoplastica tradizionale, prevede l’inserimento di un tubo di silicone all’interno del seno. La parte esterna di questo tubo viene collegata a un contenitore apposito in cui si andranno via via ad accumulare sangue e siero in eccesso.

Questo meccanismo, secondo chi utilizza ancora questo metodo, dovrebbe funzionare da spia per il chirurgo e permettere la fuoriuscita dei liquidi dalla zona operata evitando raccolte di sangue e altre complicanze.

Nonostante molti professionisti lo utilizzino ancora io, per la quasi totalità degli interventi, preferisco non ricorrere a questo strumento, che prevede diversi svantaggi. Vediamoli insieme.

I 5 svantaggi dell’utilizzo del drenaggio negli interventi di mastoplastica:
  1. Il primo lato negativo è piuttosto evidente: il drenaggio è  un corpo estraneo che dall’esterno entra all’interno dell’organismo, cosa che può causare fastidi al seno e alle protesi. Potrebbe talvolta capitare che aumenti il rischio di contrattura capsulare nel tempo, il che renderebbe la protesi molto più dura.
  2. Il secondo svantaggio è legato al fatto che questo tubo potrebbe causare infiammazioni e irritazioni.
  3. Se non viene inserito correttamente, invece di prevenire, può diventare esso stesso causa di infezione, soprattutto perché dall’esterno entra nel corpo e nei giorni successivi può contaminare l’area operata.
  4. Come è stato dimostrato, possono essere i drenaggi stessi responsabili di possibili infezioni e di sanguinamento, causato saltuariamente nel momento in cui si va a rimuovere il drenaggio.
  5. Causano maggior dolore, fastidi e rallentamenti nel ritorno alla normalità nei giorni successivi al post operatorio, in quanto ingombranti e poco pratici. Infatti la paziente deve andare in giro per giorni con questi due tubi che escono dal seno collegati a contenitori in cui si raccoglie sangue. Diciamo questo limita molto la libertà di movimento.

Ora, questi possibili problemi ci accompagnano verso la domanda più importante, per capire se correre questi rischi è davvero indispensabile.

Drenaggi e mastoplastica: servono davvero oppure no?

Il fatto che alcuni chirurghi li utilizzino e altri no, fa sorgere sempre un po’ di dubbi sui drenaggi e sulla loro utilità.

Solitamente dipende dal metodo di lavoro del singolo chirurgo, dal suo stile, dal tipo di formazione chirurgica ricevuta e da come è abituato a intervenire sulle pazienti.

Il motivo di questa correlazione è dovuto al fatto che, se i tessuti vengono trattati in modo aggressivo, i drenaggi servono per eliminare sangue e siero che tenderanno a formarsi.

Ma capita che vengano impiegati anche per un altro motivo. 

Infatti sono una comoda “spia” che segnala se si sta  raccogliendo del sangue e se quindi serve intervenire.

Il problema è che, se davvero è presente un sanguinamento, i drenaggi possono tapparsi, il sangue non drena piú all’esterno, il seno si gonfia e comunque il chirurgo se ne accorge successivamente, non é perció una spia così tanto immediata e affidabile.

La vigilanza del chirurgo, i controlli periodici, sono comunque fondamentali, anche in presenza di un drenaggio.

Personalmente preferisco prestare molta più attenzione e monitorare ogni fase di guarigione nel suo insieme, con una serie di controlli più ravvicinati e precisi.

So che quelle che stai leggendo sono informazioni in parte tecniche, ma avere almeno un’infarinatura di questi argomenti ti aiuterà in due ambiti molto importanti.

Il primo è avere maggior consapevolezza di ciò che ti aspetta, di come un intervento può essere ben progettato, riducendo l’invasività e semplificando così la procedura chirurgica e il post operatorio.

Il secondo è fornirti un elemento in più per valutare il professionista a cui deciderai di rivolgerti. Non sempre è facile capire se stai facendo la scelta giusta… più informazioni di supporto hai, meglio è.

Se ti parlerà dei drenaggi in modo positivo, come una scelta abituale, starà a te decidere se vale la pena avere un secondo parere, per evitare un possibile rischio in più.

Anche perché la cosa più importante, una volta fatto l’intervento, è la programmazione delle visite di controllo.

Il ruolo centrale della visita di controllo

Monitorare una paziente, dimetterla dopo accurati controlli e concordare l’iter delle visite post operatorio è molto importante.

Metterà la paziente nelle condizioni ideali di godersi la fase di recupero a casa sua, nel maggior comfort, senza però essere mai persa di vista dal chirurgo, assicurandosi di evitare complicazioni e di raggiungere la migliore guarigione possibile.

Le visite di controllo sono più efficaci dei drenaggi.

Infatti durante la visita un chirurgo esperto nella chirurgia estetica del seno capisce subito se c’è un sanguinamento o qualunque altra complicanza. 

Questo approccio permette di intervenire in modo tempestivo, prevenendo l’insorgere di possibili peggiori complicazioni e, in aggiunta, evitando gli effetti indesiderati dei drenaggi, che risultano anche piuttosto dolorosi. 

Per me è fondamentale offrire ad ogni paziente un percorso ideale, un risultato perfetto per lei, meno doloroso e invasivo possibile.

Il mio metodo, la Mastoplastica Argentina, è stato studiato proprio con questo obiettivo, rispettando il più possibile i tessuti, i piani di dissezione e, per questo motivo, non richiede l’utilizzo dei drenaggi.

Ho preso la mia esperienza in Chirurgia d’Urgenza per pianificare un intervento sicuro ed efficace, che porti ad un post operatorio con un recupero piú rapido.

Questo permette finalmente di rivoluzionare l’esperienza legata all’intervento di chirurgia al seno.

Spero di esserti stato utile con questa spiegazione sul rapporto tra drenaggi e mastoplastica.

Se  vuoi conoscere ancora più da vicino questo tipo di intervento e conoscere tutti i dettagli della Mastoplastica Argentina, il metodo che ho progettato per aiutarti ad ottenere il risultato che desideri:

banner articoli

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI SU LA MASTOPLASTICA ARGENTINA QUI

P.S. Se stai prendendo in considerazione di sottoporti ad un intervento al seno o conosci qualcuno che lo sia, ora sai quanto sia importante riuscire ad ottenere le informazioni corrette per poter scegliere con consapevolezza, allora parti da qui: www.drperon.com

Troverai informazioni ed esperienze di successo di centinaia di pazienti che hanno scelto di sottoporsi a Mastoplastica Argentina, affidandosi a me.
Dr Perón
– L’originale Mastoplastica Argentina –

Il segreto delle donne più sexy del mondo

 

Articoli risorse gratuite

Seguici sui social per rimanere aggiornata!

Potrebbero interessarti

Articoli simili a questo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu